Logo Bernadette

Associazione Domus Bernadette

ONLUS
Via Florio, 1 - 00153 Roma
Tel./Fax. 06 5757862
Email: info@domusbernadette.org

Storia

Il 4 novembre 1979 apre la sua porta la Comunità "Domus Bernadette", sorta per volontà di due suore del Buon Pastore che da sempre operano nel settore dell'emarginazione.
Le suore del Buon Pastore gestivano gli istituti di rieducazione ove venivano inviate le vittime di situazioni familiari e sociali che la società attraverso le istituzioni emarginava.
Il 7 marzo 1980 si costituisce l'Associazione "Domus Bernadette" non profit.
Nei primi anni si è curato  particolarmente lo sviluppo e il consolidamento della comunità partita da un'idea che allora aveva scarsi riferimenti sul territorio; si è lavorato assiduamente affinché l'idea trovasse nella realtà una sua valida attuazione concreta.
La piccola pianta è cresciuta, ha messo nuove foglie, ma ha bisogno di radicarsi profondamente nel terreno.
L'Associazione di ispirazione cristiana, trae il suo motivo di esistere dal comandamento di Cristo "ama il prossimo tuo come te stesso": essa riconosce, dunque, che ogni persona appartiene a Dio e riconosce in Lui il primo educatore.
La funzione istituzionale dell'Associazione è di accompagnamento nel quotidiano dei soggetti più deprivati, incontrati lungo il cammino.
La comunità ha per noi uno stretto legame con il compito e il dono.
Il compito non è qui sinonimo di obbligo, ma piuttosto ha a che vedere con l'assegnazione di un incarico per il quale si viene scelti, quindi con la chiamata o la vocazione: in questo senso il compito ha per noi una relazione logica con il dono.
Intendiamo il dono come munus, cioè non come quel tipo di dono che non comporta nessun impegno per chi lo riceve, ma come dono che costringe a rispondere perché riceverne uno è in realtà un privilegio.
Communitas = cum munus: la comunità è quindi l'insieme di coloro che hanno ricevuto lo stesso munus: questo è il tipo di comunità che noi apriamo all'accoglienza dell'altro.

Obiettivo

L'obiettivo centrale cui la comunità tende è guidare il soggetto alla conquista della propria autonomia attraverso l'espressione consapevole del suo originale potenziale personale mediante:
  • La cura dello sviluppo affettivo ed emotivo, la capacità di riconoscere, esprimere e controllare emozioni e sentimenti;
  • Un'espressione non distruttiva dell'aggressività, la sua canalizzazione verso obiettivi costruttivi con il rafforzamento della stima di sé, mediante: "Una azione preventiva e curativa per fare del passaggio in comunità un cammino verso la conquista di un territorio che sia quello scoperto da soggetto stesso."
(Dal progetto educativo della Comunità)

Cronologia

1987/89 Partecipazione ad un progetto finanziato dalla Comunità Europea per i ragazzi drop-out.
1990/92 Convenzione con il Ministero di Giustizia, direzione distrettuale di Roma per la costituzione di C.P.A. nell'applicazione del DPR 448/88.
1993 Convenzione con la fondazione Tata Giovanni per la gestione della Casa Famiglia Tata Giovanni.
1997 Casa protetta per donne che subiscono maltrattamenti che l'Associazione gestisce per conto della Provincia Italiana delle Suore del Buon Pastore e dalla stessa Provincia finanziata.
1998 Revisione dello Statuto per adeguarlo alla normativa vigente per le Associazioni ONLUS, in seguito alla revisione dello Statuto si è costituito un Direttivo che governa l'Associazione.
1998 Apertura di una Casa Famiglia per i ragazzi a Priverno (LT) in regime di convenzione con l'IPAB Eleonora Baratta.
1999/2000 Avvio di due progetti per l'autonomia dei ragazzi e delle ragazze diciassettenni finalizzati al reinserimento definitivo ed autonomo nella società.